Storie di pascolo vagante | Storie di pastorizia nomade, di allevatori, di alpeggio

https://pascolovagante.wordpress.com/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Magatti: è noto a tutti che la gestione dei profughi è di competenza governativa

PROBLEMA GOVERNATIVO…STOP

bruno magattiAbbiamo chiesto a Bruno Magatti di rispondere alle accuse contenute nella lettera di alcuni volontari impegnati nella solidarietà ai migranti. La risposta dell’assessore alla Politiche sociali, da sempre dalla parte degli ultimi, c rivendica il basso profilo come scelta, il non apparire come strumento per fare senza la necessità di dire di aver fatto, elenca le cose fatte anche nella sostanziale mancanza di competenza del Comune in un tema che è quasi completamente responsabilità del governo e segnala che «C’è chi fa uso delle “povertà” come uno sgabello per farsi grande».

View original post 1.059 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

In una riserva indiana sono stati riportati alla luce dei semi di zucca dopo 800 anni

RINGRAZIAMO LA LORO SAPIENZA CONSERVATIVA E IL LORO RISPETTO MA PENSO SIANO CONSECUENZIALI E LEGATE AL FATTO DI CREDERE IN UN ALTRA VITA

Ciboprossimo

Uno scavo archeologico nella First Nation’s Menominee Reservation in Wisconsin ha dato risultati inaspettati quando è stato scoperto un vaso di argilla delle dimensioni di una palla da tennis. Dopo la datazione al carbonio, è stato scoperto che il vaso aveva più di 800 anni, e conteneva una varietà di semi di una specie di zucca ritenuta estinta. Un gruppo di studenti canadesi ha deciso di testare la germinabilità di questo cimelio di  semi antichi  che erano stati sepolti da secoli. Il risultato? E’ cresciuta una zucca antica estinta!

Una zucca da 800 anni - Il Coccio con i semi

Chiamato “Gete-okosomin”, che si traduce approssimativamente in “zucca grande vecchio” o “vecchia zucca davvero cool”, l’esemplare più grande coltivato dai semi è stato un impressionante frutto di 3 piedi e 18 libbre di peso. Tuttavia questa zucca “cool” rappresenta molto più di un vegetale, è il simbolo di un periodo storico e una comunità in cui il cibo era un diritto di cittadinanza. Serve a ricordare che le verdure e la frutta viste nel…

View original post 98 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Unesco boccia Firenze, da patrimonio dell’umanità a mangiatoia del renzismo

OOOHH FIRENZE…CHE TU FAI…?

Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

È sicuro, all’Italia piacciono i record. Se prima ogni lardo di Colonnata, ogni pistacchio di Bronte, ogni palazzo municipale, ogni monumento rupestre in Val Camonica, ogni trullo, ogni orto botanico, poteva a ragione aspirare ad essere annoverato nell’elenco dei patrimoni irrinunciabili dell’umanità, se potevamo rivendicare di detenere il primato con più siti inclusi nella lista dell’Unesco, adesso potremo passare alla storia per un’altra eccellenza, nera, stavolta, tanto vergognosa che grida vendetta al cospetto del passato, del presente, del domani.

Proprio come per gli ispettori della Michelin che si presentano in incognito per levare via una forchetta a chef improvvidi che sbagliano la cottura delle cape sante e fanno impazzire la sauce bernaise, si attende la visita sotto copertura degli inviati dell’Unesco a Firenze, per indagare se la città meriti ancora il doppio riconoscimento che la colloca nel prestigioso inventario: il suo centro storico e  le Ville e i…

View original post 876 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

L’anziano morto senza bara, “Radio 24”, “Il giorno” e “La Provincia”. Differenti modi di trattare una notizia.

LA CARITÀ CRISTIANA È NEGATA A COMO MA SI CONTINUA A SPRECARE DANARO PUBBLICO PER COSE VOLUTTUOSE …SEPPELLIRE UN INDIGENTE COSTA TROPPO…?

Rapi17

In questo post tratterò la diversità di approccio alle notizie tra la radio di Confindustria,  “Radio 24”,  il quotidiano “Il Giorno” ed il principale quotidiano cartaceo comasco, di proprietà del vescovo di Bergamo e diretto dal lecchese Minonzio, “La Provincia”.

La notizia oggetto dell’analisi l’avevo portata all’attenzione del consiglio comunale di Como il 20 giugno 2016 in occasione della discussione della mozione di sfiducia al sindaco Lucini. Quella sera infatti ho accusato il sindaco, tra l’altro, di aver anche distrutto un servizio che prima del suo arrivo funzionava senza problemi: il servizio di sepoltura degli indigenti.

Con l’arrivo di Lucini infatti si sono trovati i soldi per comprare bare da adibire a sedute in piazza Volta ma non si sono più trovati euro per continuare a comprare bare vere da destinare ai servizi sociali per seppellire i nostri concittadini più poveri. Qui sotto il video dell’accusa:

Il sindaco nella replica alle accuse mosse dai…

View original post 249 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Lettera al sindaco di Roma, mia moglie!

Andrea Severini

VIRGI

Ciao!

Sei il primo sindaco donna della storia di Roma!

Ti rendi conto? Quello che ho sempre saputo si è realizzato🙂

Che gioia e che emozione, ho pianto di felicità.

Da quel tavolino, acquistato per fare il primo infopoint in via Battistini per il referendum sull’acqua e sul nucleare, ne è passato di tempo.

Quanto tempo passato insieme a parlare di Roma? dei gruppi d’acquisto solidale? del movimento? Dei problemi da risolvere, delle possibili soluzioni?

Quante volte ti ho detto che ti vedevo bene come sindaco e che ero sicuro che ce l’avresti fatta?

Così è stato!

Volevo ringraziarti per la determinazione e la capacità di ascolto che hai dimostrato in questi anni.

Sei stata vicino alle persone e loro ti hanno ripagato donandoti la cosa più importante, la loro fiducia!

I partiti hanno cercato in tutti i modi di ostacolarti, hanno cercato di tirarti giù e cercato di…

View original post 335 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Paolo Rossini

Paolo Rossini è giovane ma non più tanto giovane. Ha 35 anni e, se vuole coronare il sogno della sua vita, deve “buttarsi”… ora! Lascia dopo 20 anni il suo lavoro da elettricista non proprio amato,…

Sorgente: Paolo Rossini

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento